TUMORE, I VIAGGI DELLA SPERANZA IN ALBANIA

Il tam tam si è già diffuso, anche grazie al passaparola su Internet. E il pellegrinaggio degli italiani malati di cancro a caccia del farmaco naturale ricavato a Cuba dal veleno dello scorpione azzurro – fino al 29 aprile scorso distribuito gratuitamente nell’isola – si è spostato in Albania. Dai primi di maggio sono diverse decine gli italiani arrivati a Tirana per procurarsi il Vidatox. «Almeno 25 persone sono venute personalmente, mentre altre hanno contattato amici o conoscenti disposti a far da tramite», dice all’Adnkronos Salute un italiano che vive e lavora in Albania e vuole restare anonimo.

Ma che cos’è questo Santo Graal che, in uno dei tanti gruppi di aiuto che pullulano su Facebook e su altri social network, ha raccolto 6.067 adesioni? Si tratta di una sostanza di origine naturale, estratta appunto dal veleno dello scorpione azzurro che, secondo medici cubani autori di un lavoro diffuso online, sarebbe efficace contro una serie di tumori. Le testimonianze dei pazienti sul web sono positive, ma si tratta, è bene ricordarlo, di una sostanza che non è stata sottoposta a studi clinici controllati e pubblicati sulla stampa scientifica (anche a causa dell’embargo). E che non è autorizzata nè dalla Food and Drug Administration (Fda) americana, nè tantomeno dall’Ema, l’Agenzia europea dei medicinali.
Il pellegrinaggio degli italiani in Albania è iniziato dopo che Labiofam, l’azienda farmaceutica cubana produttrice della sostanza – battezzata Escozul dal biologo cubano Misael Bordier, che negli anni ’80 individuò le proprietà antitumorali della tossina dello scorpione e condusse esperimenti sugli animali, prima di somministrare il prodotto ai pazienti – non distribuisce più gratis Vidatox C-30 agli stranieri che da anni si recano a Cuba per ottenerlo. Labiofam ha infatti stipulato un accordo con Pharma-Matrix in Albania. Questa azienda, che nel suo sito si presenta, appunto, come la rappresentante ufficiale di Labiofam nel Paese, vende il prodotto in 30 ml di gocce sublinguali a 118 euro (il listino prezzi è pubblicato su www.pharmamatrix.net).
La scelta dell’Albania non sembra essere casuale. Il Paese ha presentato la richiesta di adesione all’Ue, ma è ancora fuori dall’Unione. E, secondo le leggi europee, i farmaci devono sottostare a precise regole per circolare nel Vecchio Continente. Insomma, per armonizzare il mercato farmaceutico Ue, solo i medicinali registrati o autorizzati possono rimanere sul mercato. Dunque Pharma-Matrix sarebbe impossibilitata ad immettere in Italia il Vidatox. Questo prodotto è stato sì registrato dall’ente regolatorio cubano per il controllo della qualità dei medicinali (Cecmed), ma non dalle agenzie europea o americana Ema e Fda o tantomeno dall’italiana Aifa.
Nonostante l’assenza di studi e pubblicazioni ufficiali, l’Escozul è protagonista di numerosi siti Internet in spagnolo, italiano e inglese. E vanta diversi gruppo di auto-aiuto su Facebook, con migliaia di adesioni e testimonianze di familiari e pazienti che lo hanno assunto fuori dai protocolli medici. Questo nonostante si racconti che sarebbero in corso studi in alcune strutture ospedaliere italiane. Basta leggere le testimonianze online per vedere che ad assumerlo sono persone con tumori al seno, al colon, al polmone o alla vescica. Secondo il tam tam, la tossina avrebbe diversi effetti positivi, non del tutto chiariti. Nel frattempo Pharma-Matrix, registrata il 23 febbraio 2011 presso la National Registration Center (QKR), con sede a Tirana nella Klinika Italiane in Rruga Irfan Tomini 30/1, ha iniziato a commercializzare il prodotto.
L’azienda «occupa due stanzette, con un paio di scrivanie e un armadio, e uno spazio usato come un deposito», spiega un connazionale che vi ha acquistato il prodotto. Unico rappresentante della società è Francesco Matteucci, mentre il rappresentante legale sarebbe un cittadino albanese, Thoma Jance. L’azienda ha come oggetto sociale la produzione e distribuzione di farmaci e prodotti omeopatici, naturali e allopatici.
«Le prescrizioni consegnate ai pazienti non vengono firmate da medici», spiega il connazionale mostrando la copia della prescrizione che raccomanda l’assunzione di 20 gocce al giorno, divise in due somministrazione da 5 gocce e una da sei. «Ti danno una boccettina tipo quella dello spray nasale, con un liquido incolore», aggiunge. «Non si deve mangiare 30 minuti prima e 30 minuti dopo dai pasti», recita la ricetta in modo un po’ criptico, siglata con un timbro, e senza firma del medico.
Il prodotto viene venduto in confezioni da 30 ml (da 118 euro) e si assume sotto la lingua. Ma il pellegrinaggio è appena iniziato. E, considerato quello che è successo in passato a Cuba, ci si aspetta un afflusso di migliaia di italiani in Albania nei prossimi mesi.




Etichette:
1 Commento

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails
Gli autori del blog dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori. Gli autori si impegnano a cancellare nei limiti delle possibilità i commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze. Qualora dovesse sfuggire la cancellazione di commenti lesivi lo si comunichi all'indirizzo e-mail: info@vacanzeinalbania.info