Albania in primavera. Lungo la costa sud e nelle valli ricche di storia

L’incontaminata costa meridionale fino a Sarande e poi all’interno verso le antiche città di Berat e Argirocastro. Per concludere con uno spettacolare rafting nel canyon dell’Osumit.

Il tour compie un giro quasi circolare e percorre una delle zone più belle dell’Albania: il sud del paese.
La prima parte del percorso segue, in direzione nord-sud, la linea del mare fino all’estremo sud del paese da dove si ritorna verso nord attraversando le vallate dell’interno.
La partenza in bicicletta è dal monastero ortodosso di Ardenica; nella stessa giornata si visita il sito archeologico di Apollonia e si arriva a Valona passando tra le campagne e attraversando, con un piccolo guado, la laguna di Narta.
Da Valona si sale al Passo di Llogarà, parco naturale con fitto bosco, e da qui si segue, vista mare, tutta la costa sud quasi selvaggia fino al sito archeologico di Butrinti. Il mare è limpidissimo, pochi i centri abitati. Le coltivazioni a oliveto si alternano ai boschi di pino d’Aleppo e alle zone brulle punteggiate da grandi piante di quercia. In questo periodo le fioriture di tutte le specie colorano il paesaggio e profumano l’aria.

Gli ambienti attraversati sono diversi: monti aridi e scoscesi, boschi e terrazzamenti coltivati, zone con morbide colline, calanchi di terra rossa o grigia, canyon scavati dai fiumi. L’acqua è ovunque presente: torrenti, sorgenti, laghi e fiumi.
Lasciata la costa percorriamo alcune ridenti vallate interne e soggiorniamo in due città in pietra patrimonio dell’umanità: Argirocastro e Berat. Esploriamo in bicicletta una valle selvaggia percorribile solo in fuoristrada o con il mulo, e concludiamo con un’esperienza veramente speciale: la discesa, con canoe da rafting, del tratto più spettacolare del Fiume Osumit in un ambiente unico che attira appassionati da tutta Europa per la bellezza del canyon con pareti a picco, piccole cascate e per il paesaggio circostante ancora incontaminato.

L’Albania, in lingua originale Shqipëria, affascina e conquista, non solo per il mare, i paesaggi e la natura ma per il clima che si respira, per la gente che si incontra, sorridente, mite e ospitale, accogliente e rispettosa, orgogliosa della sua vita semplice che a noi sembra quella di cinquant’anni fa. La storia più antica del Paese racconta di un grande passato di lotte e resistenza al turco conquistatore, quella più recente e più nota è quella dei 40 anni di oppressione del regime comunista.

La tradizione, legata a una forte cultura morale, è molto sentita e si coniuga con una sorprendente apertura mentale. In questo Paese convivono, integrandosi, tre religioni: quella cristiana cattolica, la ortodossa e la musulmana.
In Albania, diversamente da quanto siamo portati a pensare, non c’è alcun problema di sicurezza e in molti villaggi o piccole città si possono lasciare tranquillamente le biciclette aperte, come abbiamo già fatto noi.

Durata: 10 giorni, 9 notti.

Periodo: da giovedì 29 aprile a sabato 8 maggio 2010.

Difficoltà: impegnativo.

Sviluppo percorso: il tour prevede un percorso cicloturistico itinerante, composto da 8 tappe. La partenza e l’arrivo sono a Tirana.
Itinerario con continui saliscendi, varie salite di cui alcune impegnative, alcune tappe su fondo sterrato.
Le strade percorse sono tutte secondarie a basso traffico o a traffico quasi inesistente. Fa eccezione un breve tratto di strada statale, molto ampio e con banchina, in prossimità di Argirocastro.
La penultima tappa è su mulattiera e prevede la salita ad un passo e la discesa nella vallata successiva, il tragitto ha qualche breve salita ripida. Dal fondovalle parte la discesa con le canoe da rafting nel canyon del Fiume Osumit.

Principali località attraversate: Monastero di Ardenica, Fier, Apollonia, Laguna di Narta, Monastero di Zvernec, Vlorë/Valona, Parco di Llogarà, Dhërmi, Himarë, Borsh, Sarandë/Saranda, Butrinti, Syri i Kaltër/Occhio Blu, Passo di Muzines, Gjirokastër/Argirocastro, Valle del Fiume Vjosës, Përmet, Valle del Fiume Osumit, Çorovodë, Poliçan, Berat.

Visite: Museo di Skanderbeg a Kruja, Monastero di Ardenica, siti archeologici di Apollonia e di Butrinti, Forte di Alì Pascià Tepelene, sito naturalistico Occhio Blu, Castello e Casa tradizionale di Argirocastro, Castello e Museo delle Icone di Berat.

Auto al seguito: Bashkim Hyka

In collaborazione con Bashkim Travel – Tirana

Per ulteriori info: www.simonettabettio.it





0 Commenti

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails
Gli autori del blog dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori. Gli autori si impegnano a cancellare nei limiti delle possibilità i commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze. Qualora dovesse sfuggire la cancellazione di commenti lesivi lo si comunichi all'indirizzo e-mail: info@vacanzeinalbania.info