La nazionale albanese di Rugby

Nasce in Friuli la prima selezione di palla ovale del Paese delle aquile. Il primo raduno è in programma sabato 6 febbraio a Pordenone. Debutto a giugno (il 6 o il 13) contro i Dogi o il Forum Iulii. Un progetto, sostenuto da Regione, Provincia e Comune di Pordenone, che ha un doppio valore, sportivo e sociale.


Nasce in Friuli Venezia Giulia la nazionale albanese di rugby. Più precisamente a Pordenone dove quella degli ex abitanti di Shqiperia (ossia il Paese delle aquile, come gli stessi albanesi chiamano la madre patria) è la più importante comunità extracomunitaria presente sul territorio provinciale. Ma cosa ci azzeccano gli albanesi con il rugby? Ebbene, nel territorio di Tirana, a oggi, non esiste una federazione e nemmeno un club che si dedichino alla pratica della pallovale. Eppure in Italia e nel resto d'Europa tanti albanesi giocano a rugby, anche ad alti livelli.

“Nelle mie esperienze come istruttore nelle scuole della provincia – spiega Piergiorgio Grizzo, ideatore dell'iniziativa – ho notato la presenza di moltissimi ragazzi albanesi; quasi tutti con qualità atletiche e carattere agonistico superiore alla media. Insomma, questi giovani dimostravano una sorta di attitudine naturale nei confronti della palla ovale. Eppure, questo sport, non si capisce bene per quali ragioni storiche o culturali, nel loro Paese di origine è del tutto sconosciuto. Da qui l'idea di costituire la prima rappresentativa nazionale, che nascerà giocoforza all'estero, in Italia, dal momento che in Albania, al momento, a rugby non ci gioca nessuno. Il secondo step del progetto sarà proprio quello di costituire una federazione e di portare la pallovale a Tirana e dintorni”. A promuovere l'iniziativa è il Rugby Pordenone del presidente Francesco Silvestri con l'associazione gemella, Pordenone Ovale.
Il primo appuntamento della neonata Kombetarja Shqiptare e rugbit (la nazionale albanese di rugby) sarà il raduno di sabato 6 febbraio al campo di Pordenone, al quale sono stati convocati 26 giocatori albanesi che giocano in vari club di tutta Italia dal Super 10 alla serie C. Capitano e testimonial della futura selezione dovrebbe essere il ventunenne Sevian Daupi di Durazzo, mediano di mischia del Casinò Venezia Mestre, squadra di Top Ten. Di prim'ordine anche lo staff tecnico, che sarà guidato da Valter Cristofoletto (30 caps in maglia azzurra dal 1992 al 2000) e da Luca Tramontin (ex giocatore di Casale e Viadana in A1), affiancati da Michele Motta e Ivan Mazzon. “L'obbiettivo – spiega Silvestri – è quello di far debuttare la rappresentativa albanese a giugno, il 6 o il 13, qui a Pordenone, contro una selezione che potrebbe essere i Nuovi Dogi di Elio De Anna o il Forum Iulii”.
“Il progetto che stiamo realizzando – continua – ha un doppio valore, quello sportivo, ma anche quello legato all'integrazione di una comunità, quella albanese, che costituisce una presenza forte nel nostro territorio, che intendiamo coinvolgere per organizzare una grande festa in occasione del giorno della partita. Inviteremo altresì, attraverso l'assessore Elio De Anna e il presidente della Regione, Renzo Tondo, l'ambasciatore albanese e il ministro competente del governo di Tirana”.

da Ilfriuli.it





Etichette:
0 Commenti

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails
Gli autori del blog dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori. Gli autori si impegnano a cancellare nei limiti delle possibilità i commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze. Qualora dovesse sfuggire la cancellazione di commenti lesivi lo si comunichi all'indirizzo e-mail: info@vacanzeinalbania.info