ALBANIA: LIBERALIZZAZIONE DEI VISTI

Dal 15 dicembre 2010 i cittadini dell'Albania potranno entrare nello spazio Schengen senza visto.

Ecco le informazioni fondamentali per i cittadini albanesi che intendono recarsi nei Paesi Schengen:


1) Quando entrerà in vigore la liberalizzazione?
Il nuovo regime di liberalizzazione dei visti Schengen entrerà in vigore il giorno dopo la pubblicazione della decisione del Consiglio dei Ministri nella Gazzetta Ufficiale. Prima di quella data, le regole per il rilascio dei visti rimarranno invariate rispetto al passato.


2) Quali saranno i diritti dei cittadini albanesi?
Dopo la liberalizzazione, i cittadini albanesi avranno diritto di circolare liberamente nell’area Schengen, per qualsiasi motivo, per un periodo di tempo complessivamente non superiore a 90 giorni in un semestre, entrando e uscendo dal territorio Schengen quante volte vorranno (i 90 giorni nel semestre verranno calcolati sommando tutti i giorni di presenza nel territorio Schengen, anche non consecutivi; i sei mesi decorreranno dal momento del primo ingresso nel territorio Schengen).


3) Quali sono i Paesi Schengen?
Fanno parte dell’area Schengen tutti i Paesi dell’Unione Europea (tranne Gran Bretagna e Irlanda); ad essi si aggiungono Islanda, Norvegia e Svizzera.


4) Quali saranno i limiti da rispettare?
Il limite fondamentale è quello del periodo di permanenza: la liberalizzazione riguarda infatti soltanto i visti di breve periodo (fino a 90 giorni in 6 mesi), mentre rimane inalterata la normativa riguardante i visti di lunga durata (visti nazionali, o di tipo D; v. punto 7). Senza richiedere il visto, i cittadini albanesi potranno fermarsi nel territorio Schengen soltanto per 90 giorni su 6 mesi. Se intendono fermarsi più a lungo, dovranno richiedere il visto presso l’Ufficio consolare competente. ATTENZIONE: chi dovesse superare tale limite, restando nel territorio dei Paesi Schengen più a lungo del periodo consentito, potrà essere espulso (con conseguente divieto di reingresso).


5) Quali sono i documenti necessari per entrare nell’area Schengen?
L’unico documento necessario per l’ingresso nel territorio Schengen è il passaporto biometrico. Considerati gli alti costi dei sistemi sanitari nei Paesi Schengen, tuttavia, è altamente raccomandabile stipulare un’assicurazione sanitaria prima della partenza. Se richiesto, il cittadino straniero deve inoltre poter dimostrare lo scopo, le condizioni e le modalità del proprio viaggio.


6) E’ obbligatorio portare con sé carte di credito o soldi in contanti, oppure un biglietto di ritorno o un’assicurazione sanitaria?
Come detto, l’ingresso nell’area Schengen sarà possibile per i cittadini albanesi semplicemente con l’esibizione del passaporto biometrico in corso di validità.
Tuttavia, le Autorità di Polizia conservano sempre il diritto di effettuare controlli, e qualsiasi cittadino straniero deve poter dimostrare, se richiesto, lo scopo e le condizioni del proprio soggiorno (tramite ad esempio prenotazioni alberghiere e/o biglietti di ritorno) e di disporre di mezzi finanziari sufficienti in relazione alla natura, alla durata prevista del soggiorno ed alle spese per il ritorno nel Paese di provenienza. La decisione finale sull’ingresso dei cittadini stranieri nello spazio Schengen resta sempre di competenza della Polizia di Frontiera, che può respingere il cittadino straniero (di qualsiasi nazionalità) che non sia in grado di dimostrare quanto sopra.


7) In quali casi continua ad essere necessario richiedere il visto?
Il rilascio del visto continua ad essere necessario in tutti i casi in cui il cittadino albanese intenda restare nel territorio Schengen per più di 90 giorni in un semestre ed intenda richiedere il permesso di soggiorno. Le tipologie più frequenti sono: visto per studio, visto per lavoro subordinato, visto per ricongiungimento familiare. Per studiare o lavorare nei Paesi Schengen è quindi in ogni caso necessario richiedere il visto.


8) Ci sono modifiche nella procedura per la richiesta dei visti nazionali?
No, la procedura per richiedere i visti nazionali di lungo periodo (come studio, lavoro e ricongiungimento familiare) rimarrà esattamente quella di prima.


9) Dopo la liberalizzazione, potranno recarsi nei Paesi Schengen anche i cittadini albanesi destinatari di un decreto di espulsione, o a cui per altri motivi è stato vietato l’ingresso nello spazio Schengen per un certo periodo?
Assolutamente no. Il divieto di ingresso nell’area Schengen conserva ovviamente la propria validità anche dopo la liberalizzazione dei visti. Alle persone che sono state segnalate nel Sistema Informativo dei Paesi Schengen verrà quindi rifiutato l’ingresso alla frontiera.


ATTENZIONE:
FINO ALL’ENTRATA IN VIGORE
DELLA LIBERALIZZAZIONE DEI VISTI SCHENGEN, LE REGOLE PER IL RILASCIO DEI VISTI RIMARRANNO INVARIATE RISPETTO AL PASSATO. SARA’ QUINDI NECESSARIO PRESENTARE LA CONSUETA DOCUMENTAZIONE A SUPPORTO DELLE RICHIESTE DI VISTO.

Fonte: Ambasciata d’Italia a Tirana





Etichette:
0 Commenti

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails
Gli autori del blog dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori. Gli autori si impegnano a cancellare nei limiti delle possibilità i commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze. Qualora dovesse sfuggire la cancellazione di commenti lesivi lo si comunichi all'indirizzo e-mail: info@vacanzeinalbania.info