Capo Rodoni

Capo Rodoni

La piccola penisola, costituita dalla dorsale del monte Muzhllit si allunga al mare Adriatico con la sua punta di Capo Rodoni e rappresenta il rilievo più cospicuo della costa albanese. Rodon nella mitologia Illirica era il Dio del mare, visto che la cultura di quel popolo era fortemente legata all'arte della navigazione e fu così nominato appunto per onorare il Dio del mare. Il Capo è molto interessante ed è circondato dalle falese d’altezza circa 25 m. Nelle mappe dell’Ottocento veniva indicato come Capo Sklanderbeg perché proprio questa penisola evoca, per associazione immediata, il periodo in cui essa fu teatro delle azioni di difesa di Skanderbeg contro le ripetute spedizioni turche. Sulla punta del Capo ci sono ancora i resti di un castello fatto costruire proprio da Skanderbeg, a difesa della costa e del territorio. Dal Capo infatti si poteva vedere Kruje. La penisola è stata nel corso dei secoli una delle aree più remote dell’intera Albania. Nessun cento rilevane, ma solo villaggi sparsi, nove dei quali formano il comune di Ishem. La penisola montuosa presenta un paesaggio e un ambiente di grande interesse e grande suggestione. Si arriva prendendo la strada automobilistica Durazzo o Tirana – Manza – Ishmi – Drac - Capo Rodoni.





0 Commenti

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails
Gli autori del blog dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori. Gli autori si impegnano a cancellare nei limiti delle possibilità i commenti lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze. Qualora dovesse sfuggire la cancellazione di commenti lesivi lo si comunichi all'indirizzo e-mail: info@vacanzeinalbania.info